Tutti gli articoli relativi a
Gv 1,19-28


Gv 1,19-28

Ecco chi siamo

Sabato 2 gennaio, tempo di Natale Santi Basilio e Gregorio Nazianzeno, vescovi e dottori della Chiesa, Memoria 1Gv 2,22-28    Sal 98   Gv 1,19-28 Nel contemplare il Bambino nato per noi, capiamo sempre un pochino di più chi è Dio. Non un Dio lontano, inaccessibile, con lo sguardo severo e giudicante. Ma un Dio che si fa piccolo per farsi incontrare. Ha i tratti teneri di un neonato bisognoso di tutto…. Continua

Gv 1,19-28

Diminuire per amore

Diminuire per amore

Giovedì, feria propria del 2 gennaio 1 Gv 2, 22-28       Sal 97         Gv 1,19-28 Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno, memoria Il testimone è colui che dà voce alla Parola con la vita, e Giovanni rappresenta l’uomo vero che vive la Parola che annuncia. Il Battista provoca una reazione nei suoi ascoltatori. La relazione che ha con il Verbo fatto carne, suscita una domanda: “Chi sei tu?”, qual è la… Continua

Gv 1,19-28

Testimone della luce vera

Testimone della luce vera

Mercoledì 2 gennaio, Ottava di Natale 1Gv 2,22-28    Sal 97     Gv 1,19-28 Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno, Memoria Per tre volte il Battista riceve la stessa domanda dai giudei. Ed ogni volta la risposta è tesa a indicare una priorità, una presenza, quella luce vera che illumina tutto. Giovanni riesce a spostare l’attenzione da sé stesso a Gesù. Libero da sé stesso, come un vero testimone, si fa voce… Continua

Gv 1,19-28

Custodire il dono ricevuto

Martedì, Feria propria del 2 gennaio 1Gv 2,22-28         Sal 97         Gv 1,19-28 Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno, Memoria “Quello che avete udito da principio rimanga in voi […] l’unzione che avete ricevuto da lui rimane in voi[…] così voi rimanete in lui”. L’atteggiamento umile di Giovanni Battista ci permette di comprendere le parole della prima lettera di San Giovanni. Il Signore interviene nella nostra vita con la sua Grazia,… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio