Lc 17,1-6

Questione fede

Lunedì XXXII Settimana Tempo Ordinario
Sap 1,1-7   Sal 139   Lc 17,1-6

Gesù insegna a perdonare oltre ogni limite, quindi ad amare sempre, anche quando l’altro ci fa del male. E i discepoli capiscono che questo amore va oltre le loro possibilità e chiedono «Accresci la nostra fede». Da soli non possiamo amare come Gesù. Occorre aver fede. Ma Gesù ci dice che basta averne come un granello di senape. Forse allora non è questione di “quanta fede” ma di “quale fede”. Perché la fede non è “quella cosa che mi fa stare bene”. La fede è «cercare il Signore con cuore semplice», è riconoscere che Lui è il solo Signore e senza di Lui non possiamo far nulla. Lui con il suo santo Spirito ci «ammaestra», ci tiene lontano da ciò che è falso; Lui ama l’uomo e ci guida perché possiamo anche noi amare come Lui. Il come viviamo le relazioni con gli altri quindi, è una “verifica” della nostra fede. Se il nostro aver fede non ci avvicina a chi abbiamo accanto, se non ci attira piano piano al dono di noi stessi, forse non ci stiamo davvero affidando, forse non stiamo davvero ascoltando lo Spirito che ci conosce e ci guida. Facciamo attenzione!

“Scrutami, o Dio, e conosci il mio cuore, provami e conosci i miei pensieri; vedi se percorro una via di dolore e guidami per una via di eternità” (dal Sal 139).

Dalle Ammonizioni [FF 163]
Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Ci sono molti che, applicandosi insistentemente a preghiere e occupazioni, fanno molte astinenze e mortificazioni corporali, ma per una sola parola che sembri ingiuria verso la loro persona, o per qualche cosa che venga loro tolta, scandalizzati, subito si irritano. Questi non sono poveri in spirito, poiché chi è veramente povero in spirito odia se stesso e ama quelli che lo percuotono sulla guancia.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio