Mt 22,1-14

Cuore nuovo e affari privati

Cuore nuovo e affari privati

Giovedì XX Settimana del Tempo Ordinario
Ez 36,23-28    Sal 50   Mt 22,1-14
San Bernardo, memoria

L’oracolo di Ezechiele che leggiamo oggi è una continuazione della splendida profezia di Geremia sulla nuova alleanza. Ezechiele riprende l’aggettivo “nuovo” con il quale Geremia qualificava l’alleanza. Dio dice: “vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo”. L’alleanza nuova era promessa come un’alleanza interiore: Dio, in Geremia, prometteva di scrivere la sua legge sul suo cuore. Qui la promessa è ancora più bella: Dio cambierà completamente il cuore, darà un cuore nuovo e anche uno spirito nuovo, animante il cuore; toglierà il cuore di pietra e darà un cuore di carne, compassionevole e docile, aperto all’azione del Signore. Il vangelo ci dice che questa promessa è universale: tutti sono invitati al banchetto di nozze. Ma c’è una condizione per partecipare: ricevere l’abito nuziale che, nei termini di Ezechiele, significa accogliere la purificazione. Dio lo promette: “io vi purificherò”. Questo per noi è più difficile accoglierlo: ci sono degli “affari” nella mia vita che in qualche modo sono più attraenti. Questi affari spesso sono “privati”, i vizi che si cercano di nascondere agli occhi altrui. Oggi la Parola ci chiede cosa vogliamo fare con questi “affari privati”, perché il Padre non solo ci vuole togliere le impurità, ma ci vuole rivestire di Cristo perché siamo tutti uniti nella gioia dell’alleanza.

O Dio, fa’ che per intercessione di San Bernardo camminiamo con fervore di spirito, come figli della luce.

Dalla Vita Prima di Tommaso da Celano [FF 479]
Desiderando il beato e venerabile padre Francesco, occuparsi solo di Dio e purificare il suo spirito dalla polvere del mondo che eventualmente l’avesse contaminato nel suo stare con gli uomini, un giorno si ritirò in un luogo di raccoglimento e di silenzio, abbandonando le folle che ogni giorno accorrevano devotamente a lui per ascoltarlo e vederlo.

Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio