Tutti gli articoli relativi a
Mt 11,20-24


Mt 11,20-24

La minaccia del nostro male

Martedì XV Settimana del Tempo Ordinario Es 2,1-15   Sal 68   Mt 11,20-24 Gesù si rivolge alle città “nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi”, dove le malattie erano guarite e i problemi risolti. In questo clima sereno però non è avvenuta la conversione. Per questo il linguaggio di Gesù è di minaccia. Ma in realtà non ha lo scopo di punire, bensì di rivelare. La minaccia di Gesù, infatti,… Continua

Es 2,1-15, Sal 68, Mt 11,20-24

La minaccia del nostro male

Martedì XV Settimana del Tempo Ordinario Es 2,1-15   Sal 68   Mt 11,20-24 Gesù si rivolge alle città “nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi”, dove le malattie erano guarite e i problemi risolti. In questo clima sereno però non è avvenuta la conversione. Per questo il linguaggio di Gesù è di minaccia, anche se in realtà non ha lo scopo di punire ma di rivelare. La minaccia di Gesù… Continua

Mt 11,20-24

La fede non è un cuscino comodo

Martedì XV Settimana del Tempo Ordinario Is 7,1-9   Sal 47   Mt 11,20-24 Con grande forza Gesù esige fede e conversione: “Guai a te, Corazin. Guai a te Betsaida…”. Hanno visto i segni da lui compiuti, e non hanno creduto.  Seduti sulle proprie convinzioni, intimamente certi del fatto che nulla avrebbe allontanato Dio dalle proprie scelte, non si preoccupavano di mantenere viva la fede che li legava al Signore. Perciò Gesù, davanti all’ostinato… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio