Tutti gli articoli relativi a
Mc 5,21-43


Mc 5,21-43

Il miracolo della dignità

Il miracolo della dignità

Martedì IV Settimana del Tempo ordinario 2Sam 18,9-10.14.24-25.30;19,1-4   Sal 85   Mc 5,21-43 Nell’incrociarsi dei percorsi di Giairo – uomo molto stimato – e della donna malata – che si sente esclusa –, possiamo ritrovare anche i nostri percorsi di vita. Il primo incarna chi, abituato ad avere tutto, deve attraversare la perdita, la morte, il buio per aprirsi ad una fede totalmente gratuita. La seconda è una donna delusa, isolata,… Continua

Mc 5,21-43

Osare la fede

Martedì IV settimana Tempo ordinario 2Sam 18,9-10.14.24-25.30;19,1-4   Sal 85   Mc 5,21-43 Il vangelo ci presenta due persone che hanno in comune alcuni aspetti, primo fra tutti l’esperienza della fragilità, nella morte e nella malattia. L’uno poi è capo della sinagoga e vede sua figlia morire, l’altra è una donna che nonostante abbia speso tutti i suoi beni, non vede miglioramenti per le sue emorragie. Entrambi ci mostrano, infine, un atteggiamento… Continua

Mc 5,21-43

Farsi carne tenera

Farsi carne tenera

Martedì IV Settimana del Tempo Ordinario Eb 12,1-4   Sal 21   Mc 5,21-43 Sant’Agata, vergine e martire Il Figlio di Dio si è fatto carne (cf. Gv 1,14): tieni fisso lo sguardo su di lui, guardalo tangibile, disponibile… ci dice la lettera agli ebrei: è grazie a questa carne che Gesù ha potuto toccare ed essere toccato per rivelarci la tenerezza di Dio, luogo del compimento dell’uomo. Il vangelo di oggi parla di… Continua

Mc 5,21-43

non “in pace” ma “di pace”

non “in pace” ma “di pace”

In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio