Tutti gli articoli relativi a
Lc 12,35-38


Lc 12,35-38

C’è di meglio

C’è di meglio

Martedì XXIX Settimana del Tempo ordinario Rm 5,12.15.17-19.20-21   Sal 39   Lc 12,35-38 Siate pronti ad accogliere l’abbondanza della grazia. Possiamo esprimere così la sollecitazione che oggi ci dona la Parola di Dio. Il vangelo parla di tenersi pronti, avere i fianchi cinti, le vesti strette e le lampade accese. Cosa significa per la nostra vita? Non certo essere tesi e a disagio, insonni e impauriti dall’arrivo del padrone. Noi spesso… Continua

Lc 12,35-38

Amore illogico

Martedì della XXIX Settimana del Tempo Ordinario Ef 2,12-22   Sal 84   Lc 12,35-38 San Giovanni da Capestrano Sacerdote, memoria La vigilanza di Gesù porta i segni di un’attenzione non tanto a quello che c’è già (da proteggere, difendere, conservare a tutti i costi), ma piuttosto a quello che non c’è ancora, che aspettiamo che arrivi, che vogliamo accogliere, perché è la nostra salvezza. È un atteggiamento escatologico, è espressione della speranza: per… Continua

Lc 12,35-38

Il priming di Dio (Lc 12, 35-38)

«Siate pronti». Quasi un allerta, minaccioso. Oppure no, altro. Un amoroso richiamo ad attendersi, come due amanti complici del proprio invalicabile segreto. Un piacevole stato di allerta che riemerge comunque, ancorché interferito dal chiassoso tran tran dei giorni. Quasi ad avvolgere di sé qualsiasi cosa come in una involontaria confezione regalo. Per quando ci si incontra, senza fatica, sempre inediti. Gli psicologi hanno scoperto l’effetto priming. Lo descrivono e definiscono… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio