Tutti gli articoli relativi a
Gv 8,21-30


Gv 8,21-30

C’è gloria e gloria

C’è gloria e gloria

Martedì V settimana di Quaresima Nm 21,4-9   Sal 101   Gv 8,21-30 Un possibile collegamento nelle letture di oggi lo troviamo nella parola “elevare”, “innalzare” e nel segno a cui rimanda. Ci viene data l’immagine provvidente del serpente innalzato sopra un’asta e ascoltiamo Gesù che deve essere innalzato. Attraverso questo verbo, san Giovanni dà un significato positivo alla passione: Gesù, che non fa nulla da solo, viene glorificato. La croce è… Continua

Gv 8,21-30

Io sono, niente da me stesso

Io sono, niente da me stesso

Martedì  V Settimana di Quaresima Nm 21,4-9   Sal 101   Gv 8,21-30 La Parola di Dio che oggi riceviamo dalla sua bontà è forte, affascinante e drammatica assieme. I Giudei pensano che Gesù voglia togliersi la vita, mentre sarà lui stesso a donarla subendo la morte di croce, proprio da coloro che forse avevano al suo suicidio. Solo in questo dono d’amore sapremo chi è Gesù. «Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora… Continua

Gv 8,21-30

Croce e vita

Martedì V Settimana di Quaresima Nm 21, 4-9 Sal 101 Gv 8, 21-30 Dove cerchiamo e come conosciamo il nostro Dio? “Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora conoscerete che Io-sono”. Io sono è il Nome col quale Dio si è rivelato al suo popolo come liberatore, e anche noi oggi lo possiamo conoscere così guardando al Figlio Gesù innalzato sulla croce. È proprio la croce che ci fa conoscere… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio