Tutti gli articoli relativi a
Gv 14,6-14


Gv 14,6-14

Vedere, conoscere, rimanere

Lunedì V Settimana di Pasqua 1Cor 15,1-8a Sal18 Gv 14,6-14 Santi Filippo e Giacomo apostoli, festa Filippo è il discepolo del “vedere”. È lui che incontrando Natanaele gli annuncia Gesù e gli dice «vieni e vedi» (cf. Gv 1,46) ed è a lui che si erano rivolti alcuni greci chiedendo «vogliamo vedere Gesù» (cf Gv 12,21). Con la sua domanda Filippo esprime anche il desiderio di ogni uomo: vedere Dio…. Continua

Gv 14,6-14

Vedere per la pienezza

Vedere per la pienezza

Venerdì II Settimana di Pasqua 1Cor 15,1-8       Sal 18      Gv 14,6-14 Santi Filippo e Giacomo Apostoli, Festa Filippo ha capito qualcosa di molto profondo: desidera vedere il volto del Padre. Vedere il Padre è comprendere la pienezza della stessa vita. Anche in un salmo si invoca lo stesso desiderio: “Il tuo volto Signore io cerco, non nascondermi il tuo volto”. Il desiderio di vedere Dio è il desiderio fondamentale dell’uomo… Continua

Gv 14,6-14

La via che conduce al Padre

Giovedì V Settimana di Pasqua 1Cor 15,1-8a   Sal18   Gv 14,6-14 Gesù, via, verità e vita. Con queste parole Gesù indica la strada per arrivare al Padre, la porta che conduce a Lui. È solo attraverso di Lui che possiamo giungere alla verità. In Cristo Gesù troviamo la verità di noi stessi, perché troviamo noi stessi in Lui. Dal Padre veniamo e a lui ritorniamo. Tutto ciò non è scontato, perché c’è un… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio