Lc 11,15-26 

Niente ci separi

Venerdì XXVII Settimana del Tempo Ordinario
Gal 3,7-14   Sal 110    Lc 11,15-16
Beata Maria Vergine del Rosario, memoria

Gesù è accusato di scacciare i demoni per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni. È un’accusa ridicola e gratuita, e in questa accusa è proprio il diavolo che opera. Il suo modo di fare, infatti, viene dal suo nome, diaballo, che significa “dividere”. L’esatto contrario di “simbolo”, cioè, symballo, che significa mettere insieme. L’arte del demonio è quella di gettar zizzania per portare la divisione. Allontanatosi da Dio, non partecipa più della sua vita e per questo non gli rimane che scimmiottarlo. Cerca di tenere in piedi il suo regno e allo stesso tempo cerca di dividere la Chiesa, la cui forza è la comunione (mettere insieme, symballo). Ma non gli riesce né l’uno né l’altro. La sua unità non regge perché non è costruita sull’Amore, come quella di Dio, ma sulla paura. E non riesce neppure a dividere la Chiesa perché è sorretta dallo Spirito Santo. Vigiliamo perché il Regno di Dio possa crescere attraverso il nostro evitare la divisione e il nostro vivere in comunione. Preghiamo per questo!

Maria, aiutaci a tenerci uniti al Figlio tuo per non disperdere ma raccogliere frutti di carità.

Da regole ed esortazioni [FF 71]
Niente dunque ci ostacoli, niente ci separi, niente ci frapponga.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio