Tutti gli articoli relativi a
Lc 21,34-36


Lc 21,34-36

Vegliare pregando

Vegliare pregando

Sabato XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Ap 22,1-7 Sal 94 Lc 21,34-36 Quando si aspetta qualcuno il pensiero è fisso lì, gli impegni sono tutti organizzati in funzione di chi deve venire. Vegliare pregando è l’atteggiamento di chi pregusta già nell’attesa l’arrivo dell’amato, di chi vive già come se l’attesa fosse compiuta. Mantenendo viva nella preghiera la relazione con Dio, possiamo sperimentare la Sua forza, che con misericordia ci rimette… Continua

Lc 21,34-36

Vegliare pregando

Sabato XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Ap 22,1-7 Sal 94 Lc 21,34-36 Quando si aspetta qualcuno il pensiero è fisso lì, gli impegni sono tutti organizzati in funzione di chi deve venire. Vegliare pregando è l’atteggiamento di chi pregusta già nell’attesa l’arrivo dell’amato, di chi vive già come se l’attesa fosse compiuta. Mantenendo viva nella preghiera la relazione con Dio, possiamo sperimentare la Sua forza, che con misericordia ci rimette… Continua

Lc 21,34-36

Vegliate in ogni momento pregando

Vegliate in ogni momento pregando

Sabato  XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Ap 22,1-7        Sal 94      Lc 21,34-36 Il cristiano è colui che vive ogni giorno nel desiderio di incontrare il Signore, qui e ora e alla fine dei tempi. Ogni aspetto concreto e quotidiano deve essere illuminato da questa attesa. Gesù dice che bisogna “vegliare pregando”, non per scongiurare la fine o per ingraziarsi un chissà quale dio-giudice. Vegliare pregando è l’atteggiamento di chi pregusta… Continua

Lc 21,34-36

Preghiera e vigilanza

Preghiera e vigilanza

“Vegliate in ogni momento pregando” (Lc 21,36). Più volte Gesù raccomanda ai suoi discepoli di “vegliare”, cioè di essere vigilanti per essere pronti a cogliere la venuta del Signore, ma anche per non lasciare che il proprio cuore si appesantisca “in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita” (Lc 21,34). Anche nel Getsèmani Gesù dice a Pietro, Giacomo e Giovanni: “Vegliate e pregate per non entrare in tentazione”. La vigilanza, dunque,… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio