Gv 15,9-17

Come rimango?

Sabato IV Settimana di Pasqua
At 1,15-17.20-26 Sal 113 Gv 15,9-17
San Mattia Apostolo, Festa

Per trovare il sostituto di Giuda gli apostoli “ne proposero due”, poi pregarono e lasciarono al Signore la scelta, tirando a sorte dopo aver pregato. Nel vangelo, Gesù sceglie gli apostoli e promette che, se osserveranno i suoi comandamenti, vivranno la Sua stessa gioia. Il cammino di fede dietro a Gesù sempre si compone di queste due volontà e queste due libertà: la nostra e quella del Signore. Lui chiama, sceglie, dona, invita… ma sta a noi la scelta. Sta a ciascuno di noi ascoltare, rimanere in questa relazione, anche “proponendo” al Signore le proprie intenzioni, i desideri, quello a cui ci sentiamo spinti, dicendo “Signore, tu conosci il mio cuore…”. Gesù scegliendoci ci chiama “amici”, ha fiducia in noi, vede e ha ben chiaro tutto il bene che possiamo fare. Lui ci offre il Suo esempio e ci mostra la strada per la gioia piena. Poi lascia a noi la scelta, se rimanere, se obbedire. La nostra libertà, messa nelle Sue mani, porta un frutto che rimane.

Tu ci hai scelto e chiamato amici Signore, fa che sappiamo rimanere e camminare con te.

Dalla Vita seconda di Tommaso da Celano [FF 682]

Quando invece pregava nelle selve e in luoghi solitari, riempiva i boschi di gemiti, bagnava la terra di lacrime, si batteva con la mano il petto; e lì, quasi approfittando di un luogo più intimo e riservato, dialogava spesso ad alta voce con il suo Signore: rendeva conto al Giudice, supplicava il Padre, parlava all’Amico, scherzava amabilmente con lo Sposo.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio