Gv 15,1-8

DOMENICA 2 MAGGIO 2021 – V DOMENICA DI PASQUA S. ATANASIO VESCOVO

DOMENICA 2 MAGGIO 2021 – V DOMENICA DI PASQUA S. ATANASIO VESCOVO

Dal Vangelo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Commento biblico

Siamo al cuore della teologia giovannea: la vita divina, che ha la sua sorgente in Dio, passa in Gesù Cristo e da lui ai suoi fedeli. L’unico modo per diventare e restare spiritualmente vivi è quello di rimanere in Gesù per mezzo della fede in lui. Una fede operosa che si esprime nell’osservare il comandamento nuovo dell’amore. Si rimane – verbo caro all’evangelista – in Gesù se le sue parole rimangono in noi, cioè se vengono accolte e custodite con fede e praticate nell’amore. Questi sono i frutti della vita eterna.

Commento francescano

Il capitolo XXII della Regola non bollata (FF 56-62) è un piccolo ma prezioso trattato di spiritualità: da un cuore malato da cui escono solo cose cattive si giunge a un cuore purificato, dimora della Trinità. Che cosa rende possibile questo cambiamento preannunciato dalle profezie della nuova alleanza? Proprio l’accoglienza e la custodia gelosa della Parola del Signore nel proprio cuore. Questa Parola di Gesù guarisce il cuore, lo purifica e lo rende in grado di contemplare la gloria del Padre.

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nelle Parole. È la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo accompagnata da un commento biblico e uno francescano. Frate Leone annotava come il Santo avesse una particolare predilezione per la lettura ogni giorno del Vangelo. Il commento biblico lega la Parola e il messaggio di Cristo alla contemporaneità della vita. Lo sguardo francescano rappresenta un tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi può essere un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di Francesco. Per l’uomo contemporaneo la testimonianza del Santo di Assisi rappresenta una finestra che gli offre un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Vengono proposte per ogni giorno riflessioni che aiutano a vivere appieno nel segno di Cristo, attraverso un pensiero che attualizza la Parola con l’intento di scardinare posizioni del cuore dell’uomo odierno, a volte indurito e ‘zoppicante’. L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Gli autori sono frati, provenienti da tutte le famiglia francescane, laici, appartenenti all’OFS e grandi esperti di francescanesimo. Momenti Francescani è un trimestrale edito dalla Custodia Generale del Sacro Convento dei Frati Minori Conventuali in Assisi. È possibile abbonarsi al seguente link: https://bit.ly/momenti_francescani”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio