Mt 6,1-6.16-18

MERCOLEDÌ 17 FEBBRAIO 2021 LE CENERI – SS.SETTE FONDATORI DELL’ORDINE DEI SERVI DELLA B.V. MARIA

MERCOLEDÌ 17 FEBBRAIO 2021 LE CENERI – SS.SETTE FONDATORI DELL’ORDINE DEI SERVI DELLA B.V. MARIA

Dal Vangelo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

Commento biblico

Oggi, Mercoledì delle Ceneri, inizia il nostro tempo quaresimale, momento di riflessione e di cammino. “La vostra giustizia”: quando leggiamo nelle Sacre Scritture l’espressione: “uomo giusto”, significa che quella persona fa bene ogni cosa, che è un uomo timoroso di Dio, corretto nel suo agire, un uomo di santità e lo stesso si può dire di una donna. Per essere giusti cerchiamo di amare le nostre relazioni. “Quando fai l’elemosina; quando pregate e quando digiunate”: fare l’elemosina è amare l’altro. Si ama l’altro da vicino, guardandolo negli occhi, vedendo la sua necessità, interessandosi della sua vita. Fare l’elemosina ci fa conoscere l’altro e partecipare alla sua vita. Pregare è amare a Dio, è il nostro dialogo con il Signore, è l’intimità tra Dio e ognuno di noi. Pregare è una relazione d’amore con il Creatore fatta di rispetto, di considerazione e di altissima adorazione al vero e unico Dio. Digiunare è dare spazio e conoscerci, allargare le nostre potenzialità e riconoscere la nostra essenza. Digiunare è amare noi stessi. , è dare spazio al nostro essere. Pertanto, praticare l’elemosina, la preghiera e il digiuno significa vivere in armonia con l’altro, con Dio e con noi stessi.

Commento francescano

Un momento, nella vita di san Francesco, che fa capire l’importanza di amare e di essere amati. “Una volta andava
solingo nei pressi della chiesa di Santa Maria della Porziuncola, piangendo e lamentandosi ad alta voce. Un uomo pio e spirituale, udendolo, suppose ch’egli soffrisse di qualche malattia o dispiacere e, mosso da compassione verso di lui, gli chiese perché piangeva così. Disse Francesco: «Piango la passione del mio Signore, e per amore di lui non dovrei vergognarmi di andare gemendo ad alta voce per tutto il mondo». Allora anche quell’uomo cominciò a piangere insieme a lui ad alta voce. Spesso, alzandosi dall’orazione, aveva gli occhi che parevano pieni di sangue, tanto amaro era stato il suo piangere. E non si affliggeva solo con le lacrime, ma, in memoria della passione del Signore, si asteneva anche dal mangiare e dal bere” (FF 1413).

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio