Mc 5,1-20

Libertà di Dio

Libertà di Dio

Lunedì IV Settimana del Tempo Ordinario
Eb 11,32-40     Sal 30       Mc 5,1-20

C’è una libertà apparente, quella dell’uomo posseduto, che ci porta totalmente fuori di noi, che ci divide dagli altri, da noi stessi e da Dio. Si è liberi di fare tutto…tranne ciò che è bene. Così il giorno si confonde con la notte, cerchiamo la vita dove regna la morte…tutto è nelle nostre mani ma finiamo per farci del male da soli.
Per questo Gesù viene a cercarci ovunque noi siamo…anche in territorio pagano, anche quando siamo “posseduti da uno spirito impuro”,  quando seguiamo ciò che non è bene per noi, ciò che ci rende meno umani, meno fraterni, meno figli di Dio. Gesù ci raggiunge in questa lontananza, si fa vicino per scacciare il male, viene a liberarci da ciò che davvero ci lega. Così colui che era stato indemoniato recupera in pienezza la sua dignità di uomo, è seduto, vestito e sano di mente, e in più è testimone e annunciatore della misericordia del Signore, strumento perché altri incontrino la libertà di Dio testimone.

La tua Parola autorevole raggiunga e guarisca, Signore, tutti quegli aspetti della nostra vita che ci tengono lontani da noi stessi, dai fratelli e da Te.

Dalla Regola non bollata [FF 59]
E guardiamoci bene dalla malizia e dall’astuzia di Satana, il quale vuole che l’uomo non abbia la sua mente e il cuore rivolti a Dio; e, circuendo il cuore dell’uomo con il pretesto di una ricompensa o di un aiuto, mira a togliere e a soffocare la parola e i precetti del Signore dalla memoria, e vuole, attraverso gli affari e le preoccupazioni di questo mondo, accecare il cuore dell’uomo e abitarvi.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio