La mia parte | Leggere la parola di Dio con S. Francesco e S. Chiara nella vita di tutti i giorni
Mc 8,22-26

La mia parte

La mia parte

Mercoledì VI Settimana del Tempo Ordinario
Gen 8,6-13.20-22 Sal 115 Mc 8,22-26

Il racconto della Genesi ci presenta una vita nuova dopo il diluvio, un’incredibile forza vitale che fa rifiorire e ripartire tutto. La tenera foglia di ulivo nel becco della colomba è il segno della pace di Dio. Tenera e poetica, ma anche forte, più della morte. Questa rinascita miracolosa avviene in modo silenzioso, graduale. Ci vuol tempo prima che la terra riemerga dalle acque, prima che Noè la contempli con i suoi occhi e renda grazie a Dio. Anche la guarigione di Betsàida ha bisogno di silenzio e di tempo. L’uomo cieco non guarisce tutto d’un tratto, ma vive tutti i passi di un autentico incontro. Gesù lo prende per mano, lo conduce nel silenzio, lo coinvolge, lo tocca, gli domanda fiducia, lo interpella. È un incontro vero! Così la forza della vita ritorna e fa ripartire tutto. Ma ha bisogno del nostro coinvolgimento, anima e corpo, della pazienza dei piccoli passi costanti e quotidiani, della forza di volontà… insomma della nostra parte. In questo abbiamo la certezza di non essere mai soli: è con noi la tenerezza e la potenza del Signore Gesù che ci sostiene, perché ci vuole liberi e felici.

Signore anche in me la tua opera è silenziosa e richiede tempo. Ti prego, insegnami a fare ogni giorno, con umiltà e perseveranza, la mia parte.

Dalla Regola non bollata [FF 64]
E ti rendiamo grazie, perché come tu ci hai creato per mezzo del tuo Figlio, cosi per il santo tuo amore, col quale ci hai amato, hai fatto nascere lo stesso vero Dio e vero uomo dalla gloriosa sempre vergine beatissima santa Maria, e, per la croce, il sangue e la morte di Lui ci hai voluti redimere dalla schiavitù.

Avatar photo
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio