Lc 19,11-28

Una porta aperta nel cielo

Una porta aperta nel cielo

Mercoledì XXXIII Settimana del Tempo Ordinario
Ap 4,1-11   Sal 150   Lc 19,11-28

Nel libro dell’Apocalisse, Giovanni racconta di essere preso dallo Spirito e di vedere la gloria di Dio. Anche nel Vangelo c’è una gloria che deve rivelarsi: le monete d’oro sono come la gloria che Dio vuole manifestare nella vita di ciascuno. Purtroppo, a volte ci comportiamo come il terzo servo, egoista e pauroso. Anche noi impediamo al Signore di venire a regnare nella nostra vita. Per timore o per pigrizia, teniamo stretto quel poco che abbiamo, senza metterlo a servizio del bene. Quando ci preoccupiamo che i rischi siano troppo alti, o eccessive le fatiche, finiamo col nascondere i nostri talenti. Ma in questo modo impediamo al Signore di manifestare la sua gloria, di operare i cambiamenti più belli della nostra vita. C’è un modo per fare spazio alla gloria di Dio in noi: approfittare della libertà che abbiamo di scegliere, di spingerci oltre, di usare la “fantasia della carità” – diceva Papa Giovanni Paolo II – per intuire un modo sempre nuovo di amare e servire i fratelli.

O Signore, i cui doni superano ogni nostro desiderio, rendici forti e liberi nel perseguire la tua volontà, generosi e creativi nel metterci a servizio del bene.

Dalla Compilazione di Assisi [FF 1591]
Il beato Francesco (…) fu assalito per il suo profitto spirituale da una gravissima tentazione (…) E dopo che ormai da due anni era tormentato giorno e notte da quella tentazione, accadde che un giorno, mentre stava pregando nella chiesa di Santa Maria, gli fu detta in spirito quella parola del Vangelo: «Se tu avessi una fede grande come un granello di senape, e dicessi a quel monte di trasportarsi da quello a un altro posto, avverrebbe così». Rispose il santo Francesco: «E quale è quel monte?». Gli fu risposto: «Il monte è la tua tentazione». Disse il beato Francesco: «Allora, Signore, sia fatto a me secondo che hai detto». E all’istante fu liberato, così che gli parve di non avere mai avuto quella tentazione.

 

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio