Gv 3,13-17

Vertice dell’amore

Vertice dell’amore

Mercoledì XXIV Settimana del Tempo Ordinario
Nm 21,4-9   Sal 77   Fil 2,6-11   Gv 3,13-17
Esaltazione della santa Croce

Certi cambiamenti nella vita possono avvenire in un attimo. Ma quelli del cuore necessitano di molto tempo. I quarant’anni di cammino del popolo d’Israele ce lo ricordano. Il cambiamento importante nel cuore del credente è sempre quello di scoprirsi (e riscoprirsi) figlio profondamente amato dal Padre e fratello di ogni uomo. Perché questo cammino è così lungo? Forse perché presuppone l’accoglienza delle nostre miserie come luogo privilegiate dell’opera di Dio in noi. La superbia, la menzogna, l’autoreferenzialità, sono i “morsi”, i veleni che, pian piano ci allontanano da lui e che ci fanno morire. Ma l’Altissimo è disceso dal cielo, proprio per dirci che siamo figli amati, per salvarci dal morso del male. Oggi esaltiamo la croce del Signore, la onoriamo. Perché non è solo il luogo di dolore, ma è il vertice dell’amore. Incondizionato amore del Figlio di Dio, che muore e scende negli inferi più bassi, fino a raggiungere anche l’ultimo degli uomini. Perché con lui noi tutti possiamo vivere per sempre.

Nel tuo nome, Signore Gesù, ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra.

Dalla Compilazione di Assisi [FF 1602]
Francesco sedette a terra vicino al fuoco, di fronte ai fratelli che stavano a mensa in alto e sospirando disse: «Quando vidi questa tavola preparata con tanto lusso e ricercatezza, ho pensato che non era la mensa dei poveri frati, i quali vanno ogni giorno a questuare di porta in porta. A gente come noi si conviene seguire in ogni cosa l’esempio di umiltà e povertà del Figlio di Dio più che agli altri religiosi: poiché a questo siamo stati chiamati e a questo ci siamo impegnati davanti a Dio e davanti agli uomini. Adesso sì mi sembra di sedere a mensa come un frate».

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio