Tutti gli articoli relativi a
Gv 13,1-15


Gv 13,1-15

Amore consacrato

Amore consacrato

Giovedì Santo Es 12,1-8.11-14      Sal 115    1Cor 11,23-26      Gv 13,1-15 Anche se quest’anno purtroppo non sarà così, il Giovedì Santo i presbiteri di ogni diocesi si ritrovano con il proprio Vescovo per celebrare la Santa Messa Crismale, il memoriale del dono del sacerdozio. Una parte del prefazio recita così: “Egli comunica il sacerdozio regale a tutto il popolo dei redenti, e con affetto di predilezione sceglie alcuni tra i fratelli… Continua

Gv 13,1-15

Un silenzio che parla

Un silenzio che parla

Giovedì Santo Es 12, 1-8. 11-14    Sal 115    1 Cor 11, 23-26      Gv 13, 1-15 Gesù, durante la cena, si alzò, depose le vesti, prese un asciugamano, se lo cinse attorno alla vita, versò dell’acqua, cominciò a lavare i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e “disse”. È bello fermarsi a guardare ogni gesto compiuto da Gesù in quest’ultima cena, ed è bello cogliere che, ad eccezione del… Continua

Gv 13,1-15

Verso il Triduo pasquale 2015, “Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine” (Gv 13,1)

Verso il Triduo pasquale 2015, “Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine” (Gv 13,1)

Ho scattato questa kartolina lo scorso anno in Trentino in un piccolo cimitero posto alla sommità del paese ove i morti vegliano sui vivi: i piedi di Gesù, un cuore. La settimana santa è piena di piedi e di cuori. In primis, il cuore amante di Gesù. Eppoi i piedi: quelli di Gesù cosparsi di profumo prezioso da una donna sconosciuta (lunedì santo), i piedi lavati da Gesù ai discepoli… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio