Storia dei frati Minori nei secoli XIII-XIV: Interpretazioni e fonti a confronto

Storia dei frati Minori nei secoli XIII-XIV: Interpretazioni e fonti a confronto

I Formatori di post-noviziato dei Frati Minori della Conferenza Ministri Provinciali del sud Italia hanno organizzato, a Montecalvo Irpino dal 3 al 7 luglio 2018, una settimana di francescanesimo sul tema “Storia dei frati Minori nei secoli XIII-XIV: Interpretazioni e fonti a confronto”.
Il sec. XIII è stato caratterizzato, oltre che dallo sviluppo demografico, economico e culturale, da un profondo rinnovamento della vita religiosa, favorito specialmente da Innocenzo III (1198-1216) e dal concilio Lateranense IV (1215).
È in questo contesto così vivo e dinamico che appaiono gli Ordini mendicanti, e in particolare i Predicatori di s. Domenico e i Minori di s. Francesco.
Le giornate di francescanesimo di quest’anno vogliono illustrare le origini e lo sviluppo dei frati Minori nel Duecento e nel Trecento.
Le lezioni del mattino focalizzeranno l’attenzione su alcuni punti nodali della storia dei frati Minori: l’esperienza iniziale di Francesco e dei primi seguaci, il passaggio dalla fraternitas all’Ordine, i problemi legati agli insediamenti fissi e all’apostolato dei frati, il processo di normalizzazione al tempo di s. Bonaventura (1257-1274), le controversie per la povertà tra la fine del Duecento e la prima metà del Trecento, l’origine e lo sviluppo del movimento dell’osservanza nella seconda metà del sec. XIV.
Gli incontri del pomeriggio avranno carattere seminariale e saranno dedicati all’approfondimento, mediante la lettura commentata di alcuni testi, di quattro importanti figure del periodo della storia francescana preso in esame: frate Elia, Bonaventura da Bagnoregio, Pietro di Giovanni Olivi e Margherita da Cortona (di quest’ultima si parlerà in relazione al tema: Movimento penitenziale e francescanesimo).
Il relatore è Fortunato Iozzelli (Pistoia 1952), sacerdote dell’Ordine dei frati Minori, ha conseguito il dottorato in storia della Chiesa (Pontificia Università Gregoriana di Roma), la laurea in lettere (Università La Sapienza di Roma) e il diploma in studi medievali (Université Catholique de Louvain-la-Neuve/Belgio). Dal 1983 al 2010 è stato membro del Collegio S. Bonaventura di Grottaferrata (Frati Editori di Quaracchi), e dal 2007 al 2016 direttore della rivista Studi Francescani. Attualmente è docente di storia della Chiesa antica e medievale, di codicologia e di esegesi medievale presso l’Università Antonianum di Roma. Oltre a vari saggi di carattere storico-filologico, ha pubblicato i seguenti volumi: Roma religiosa all’inizio del Novecento (1985), Odo da Châteauroux. Politica e religione nei sermoni inediti (1994), Legenda de vita et miraculis beatae Margaritae de Cortona di Giunta Bevegnati (1997), Giuseppe Bernardo Döbbing ofm vescovo di Nepi e Sutri (1900-1916) tra riforme e nazionalismi (2007), Lectura super Lucam et Lectura super Marcum di Pietro di Giovanni Olivi (2010).

Informazioni:
Fra Antonio Latella
Convento Le Grazie – Benevento
e-mail: ofmsannito-irpina@go-web.net
Tel. 0824 328216
Cell. 347 1615162

ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio