Dis-Ordine Francescano. La grazia delle riforme (1517-2017)

Dis-Ordine Francescano. La grazia delle riforme (1517-2017)

La storia dell’ordine francescano, persino in tutte le tre famiglie in cui si distingue (I° ordine: frati minori; II° ordine: clarisse; III° ordine, ordine francescano secolare, i tradizionali terziari francescani), sembra caratterizzata da continue riforme al proprio interno. Al punto da farne, forse, uno di movimenti religiosi più inquieti, instabili, dinamici, eppur costanti, della Chiesa. Riforme vissute ogni volta con la sofferenza della lacerazione della fraternità, ma con l’entusiasmo e la speranza di ridare nuova linfa al carisma francescano, a seconda dei tempi e dei luoghi sempre diversi.
Nel 2017 la grande famiglia francescana ricorderà l’intervento di papa Leone X che, nel tentativo di mettere pace e ordine tra i francescani, ne decretò di fatto la scissione tra frati minori della regolare osservanza e frati minori conventuali, con la bolla Ite vos del 29 maggio 1517 (poco più di una decina di anni e nascerà un’ulteriore riforma, quella dei frati minori cappuccini). Occasione propizia per “guarire le memorie”, come diremmo al giorno d’oggi, per chiedere e concedere perdono. Materiale per gli storici, che potranno ulteriormente studiare quelle vicende complesse e intricate, tra slanci di santità e interessi di altro tipo. Un buon pretesto per inventare celebrazioni e altri momenti fraterni, sempre benedetti.
Potrebbe essere anche l’occasione per una lettura diversa, meno negativa, forse più evangelica, delle vicende di quegli anni? Potrebbe essere che il semper reformanda appartenga costitutivamente alla famiglia francescana? Che se smettesse di farlo, questo sì sarebbe un autentico tradimento? Che è quel sornione di san Francesco ad aver previsto tutto ciò? Il convegno si propone proprio di provare a rileggere quegli anni con quest’ottica particolare: sicuramente seria e fondata, ma anche un po’ scanzonata e irriverente.
Casa di spiritualità
Camposampiero (PD) – 26-29 settembre 2016

Programma
 26
ore 18.00 – 19.00 Arrivo e sistemazione
 27
mattina
ore 7.30  Celebrazione delle Lodi
ore 9.00
coordina: Sabina Fadel, giornalista, francescana secolare (Mestre)
“Tra Babele e Pentecoste. La nostalgia dell’unità e il rischio della diversità”: fra Dino Dozzi, frate minore cappuccino (Imola)
“I conflitti fanno crescere. Anche le riforme”: Daniele Novara, pedagogista, Centro Psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti (Piacenza)
pomeriggio
ore 15.00
“Verità non come sostanza ma come relazione. Contributo filosofico per una fedeltà al principio e al molteplice”: Lorenzo Biagi, filosofo, Fondazione Lanza (Padova)
“Le riforme degli altri. Gioie e croci” (tavola rotonda): p. Luciano Cinelli op – dom Daniele Trolese osb – p. Giuseppe Pozzobon ocd; coordina fra Andrea Vaona ofmconv
ore 18.30  Celebrazione eucaristica e Vespri
dopocena
Concerto musicale francescano – Gruppo corale Musica Insieme
28
Mattina
ore 7.30  Celebrazione delle Lodi
ore 9.00
coordina: sr. Claudia Berton, suore francescane elisabettine (Camposampiero)
“Una riforma tira l’altra. Excursus di storia francescana”: fra Giuseppe Buffon, frate minore, Pontificia Facoltà “Antonianum” (Roma)
con un’appendice: “Le riforme nei monasteri delle clarisse”: suor Mariafiamma Faberi, clarissa, badessa del monastero del Corpus Domini (Bologna)
pomeriggio
ore 15.00
“Ecumenismo francescano. L’unità nella diversità”: fra Tecle Vetrali, frate minore, Istituto di Studi Ecumenici “San Bernardino” (Verona)
“Dis-ordine francescano. La grazia delle riforme”: fra Fabio Scarsato, frate minore conventuale, Messaggero di sant’Antonio (Padova)
ore 18.30  Celebrazione eucaristica e Vespri
dopocena
“Francesco dalla Terra al Cielo”. Un nuovo film d’animazione su san Francesco: incontro con il regista Maurizio Nichetti
29
Mattina
ore 7.00  Celebrazione eucaristica e Lodi
ore 9.00
“Ognuno secondo la propria specie… (Gen 1,21). La bellezza e la ricchezza delle diversità” (tavola rotonda): un frate minore, un frate minore cappuccino, un frate minore conventuale; coordina Sabina Fadel, giornalista, francescana secolare (Mestre)
ore 11.30 Preghiera francescana
ore 12.30 Pranzo e partenza

ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio