Mt 6,24-34

Lo specchio e il vetro

Lo specchio e il vetro

Sabato XI Settimana Tempo Ordinario
2Cr 24, 17-25   Sal 88   Mt 6,24-34

Gesù parla del denaro come qualcosa che si pone in competizione con Dio. Sì, perché, anche se scegliamo la sobrietà come stile di vita, al denaro si può attaccare il cuore. Dal denaro possiamo essere sedotti, ammaliati, confusi. Questo “affetto” a volte ci spinge alla menzogna, all’ostilità, alla corruzione. Ecco perché Gesù ci chiede di scegliere! Qualcuno sceglie. Qualcuno s’illude di non scontentare né l’uno né l’altro, ma in realtà non è possibile. Un piccolo racconto ci aiuta a riflettere: dei giovani monaci visitarono un vecchio saggio che viveva sulla montagna, felice nella sua povertà. “Parlaci del denaro”, gli chiesero. Il saggio sorrise e disse: “Cosa vedete attraverso il vetro di quella finestra?”. Guardarono e dissero: “Il cielo, il sole, la montagna, gli alberi, la gente …”. Tendendo loro un piccolo specchio, disse: “Cosa vedete in questo specchio?”. Risposero: “I nostri volti, naturalmente”. Il saggio riprese lo specchio, vi tolse la lamina d’argento e lo porse ai giovani: “Provate a guardare ora”. Dissero loro: “Questo specchio è un vetro! Ora non vediamo più noi stessi, ma gli altri!”.

 “O povertà, fonte di ricchezza, Gesù donaci un cuor di povero”

Dalla Leggenda maggiore di san Bonaventura [FF 1080]
Alla Porziuncola vi era penuria di ogni cosa, ma, benché qualche volta vi convenisse una moltitudine di oltre cinquemila frati, non mancò mai l’aiuto della bontà divina, che procurava il sufficiente per tutti e a tutti concedeva la salute del corpo e sovrabbondante gioia di spirito.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio