Gv 16,12-15

DOMENICA 12 GIUGNO 2022 – SS. TRINITÀ

DOMENICA 12 GIUGNO 2022 – SS. TRINITÀ

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà». Giovanni 16,12-15

All’inizio del Vangelo Gesù riconosce il limite dei discepoli: “per il momento non siete capaci di portarne il  peso”. Riconoscere i limiti può sembrare una debolezza o una fragilità, ma in realtà è un grande valore. Avere la consapevolezza dei nostri limiti è il coraggio di dire all’altro che abbiamo bisogno di aiuto, che non possiamo fare da soli. È un atto di umiltà e intelligenza, sapendo che con l’altro possiamo arrivare molto più lontano, come afferma un proverbio africano: “Se vuoi arrivare prima corri da solo, se vuoi arrivare lontano, cammina insieme”. Per questo Gesù dice ai  discepoli che lo Spirito Santo è colui che darà a loro la forza di superare tutti i limiti. Dobbiamo avere la capacità di riconoscere la nostra necessità del Dio Trino e Unico.

San Francesco aveva la grande capacità di accettare i propri limiti e chiedeva sempre ai suoi fratelli di fare lo stesso: “Fratelli miei, io così dico a voi: che ognuno tenga conto della propria  condizione fisica. Se uno di voi riesce a sostenersi con meno cibo di un altro, non voglio che chi abbisogna di un nutrimento più abbondante si sforzi di imitare l’altro su questo punto; ma, adeguandosi alla propria complessione, dia quanto è necessario al proprio corpo. Come ci dobbiamo trattenere dal soverchio mangiare, nocivo al corpo e all’anima, così, e anche di più,  all’eccessiva astinenza, poiché il Signore preferisce la misericordia al sacrificio” (FF 1568).

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nelle Parole. È la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo accompagnata da un commento biblico e uno francescano. Frate Leone annotava come il Santo avesse una particolare predilezione per la lettura ogni giorno del Vangelo. Il commento biblico lega la Parola e il messaggio di Cristo alla contemporaneità della vita. Lo sguardo francescano rappresenta un tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi può essere un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di Francesco. Per l’uomo contemporaneo la testimonianza del Santo di Assisi rappresenta una finestra che gli offre un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Vengono proposte per ogni giorno riflessioni che aiutano a vivere appieno nel segno di Cristo, attraverso un pensiero che attualizza la Parola con l’intento di scardinare posizioni del cuore dell’uomo odierno, a volte indurito e ‘zoppicante’. L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Gli autori sono frati, provenienti da tutte le famiglia francescane, laici, appartenenti all’OFS e grandi esperti di francescanesimo. Momenti Francescani è un trimestrale edito dalla Custodia Generale del Sacro Convento dei Frati Minori Conventuali in Assisi. È possibile abbonarsi al seguente link: https://bit.ly/momenti_francescani”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio