Gv 7,40-53

Parole nuove

Parole nuove

Sabato IV Settimana di Quaresima
Ger 11,18-20 Sal 7 Gv 7,40-53

Le parole e la vita di Gesù parlano in modo sempre nuovo, annunciando un amore che è sempre più grande di quanto possiamo comprendere. Davvero ancora oggi possiamo dire: mai nessuno ha parlato così! Per questo Gesù non ci lascia indifferenti, per questo davanti a Lui sempre dobbiamo fare una scelta e rispondere ciascuno personalmente alla domanda: “Chi è costui?”. Perché fa parte del suo modo di parlare e di amare il non imporsi, il lasciarci liberi. Per accogliere questa Parola, sempre nuova, dobbiamo lasciare spazio all’inquietudine che essa crea in noi. Come Nicodemo, dobbiamo riconoscere di non sapere tutto; come le guardie, dobbiamo lasciare spazio allo stupore; come la gente semplice che circondava Gesù, dobbiamo avere un cuore umile. Altrimenti rischiamo di restare fermi sulle nostre certezze, finendo per chiuderci sempre di più in noi stessi, cadendo facilmente in prepotenze, ostinazioni e cattiverie.

Mostraci il tuo volto Signore, e noi saremo salvi.

Dai Fioretti [FF 1915]

Francesco, ginocchioni, in orazione con la faccia e con le mani levate al cielo, in fervore di spirito diceva così: «Chi sei tu, o dolcissimo Iddio mio? Che sono io, vilissimo verme e inutile servo tuo?».

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio