Lc 19,11-28

È Dio che restituisce respiro e vita

È Dio che restituisce respiro e vita

Mercoledì XXXIII Settimana del Tempo Ordinario
2Mac 7,1.20-31   Sal 16   Lc 19,11-28
Santa Elisabetta d’Ungheria, Patrona del Terzo Ordine

Ascoltiamo oggi l’episodio dei sette fratelli giudei che, insieme alla loro madre, si lasciano uccidere per le speranze poste nel Signore. Quale fiducia, gratitudine e amore verso Dio doveva avere nel cuore questa famiglia, per accogliere il martirio con tale coraggio e fortezza? La madre con tanta fermezza li incoraggia: il Creatore che vi ha plasmato all’origine (…) per la sua misericordia vi restituirà di nuovo il respiro e la vita”. Nella parabola che Gesù ci racconta, quale immagine triste doveva avere il terzo servo, riguardo al suo padrone, per agire con tanta paura! Certo lo vedeva come un tiranno senza pietà. Per questo non è capace di muoversi né di far fruttare il dono ricevuto, e lo perde del tutto. Spesso il nostro agire dipende dall’immagine che di Dio ci portiamo dentro. Custodire in noi un’immagine vera e misericordiosa di Dio Padre, ci rende liberi, coraggiosi e determinati, capaci di mettere a frutto i nostri doni per il bene nostro e di altri. Ed io, quale immagine di Dio custodisco nel cuore?

Padre santo, fa’ che sappiamo leggere negli eventi delle nostre giornate la tua presenza forte e premurosa. Per intercessione di Santa Elisabetta, purifica il nostro cuore perché possiamo donarci con generosità “non preoccupandoci troppo di noi stessi”.

Dalle Lodi di Dio Altissimo [FF 261]
Tu sei il bene, ogni bene, il sommo bene, Signore Dio vivo e vero.
Tu sei amore e carità, Tu sei sapienza,
Tu sei umiltà, Tu sei pazienza,
Tu sei giustizia e temperanza,
Tu sei tutto, ricchezza nostra a sufficienza.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio