Mt 16,13-23

Il necessario per vivere

Il necessario per vivere

Giovedì XVIII Settimana del Tempo Ordinario
Nm 20,1-13   Sal 94   Mt 16,13-23

Gli israeliti si lamentano con Mosè e con Dio per essere stati condotti in una terra inospitale, dove sembra mancare il necessario per vivere. Anche Pietro si lamenta con Gesù per i tristi presagi che sta prospettando. Le parole della passione sembrano sbarrare la strada, togliere vita, gioia, speranza: “Dio non voglia!”. Ma il posto del discepolo è dietro al Maestro, è lì che impara a “vivere” davvero. Non siamo noi a dover suggerire a Dio come si vive. Ma è Lui che, ai cuori disponibili e umili, suggerisce come vivere davvero. La paura e il bisogno di avere tutto sotto controllo a volte porta a “metterci davanti” a Dio, agli altri, credendo di conoscere la strada per vivere… Ma il Signore, rivolgendosi a Pietro, lo «rimprovera» (lo stesso verbo greco di quando scaccia i demoni!). Saper vivere non è appoggiarsi a qualche certezza a buon mercato. È invece un paziente cammino che si scioglie, passo dopo passo, dietro al Signore della vita e della gioia. È Lui che ci insegna come si vive e come si dona la vita per amore.

Signore della vita, insegnaci a camminare sulle tue orme.

Dalla Lettera a tutto l’Ordine [FF 233]
Onnipotente, eterno, giusto e misericordioso Iddio concedi a noi miseri di fare, per tua grazia, ciò che sappiamo che tu vuoi, e di volere sempre ciò che ti piace, affinché interiormente purificati, interiormente illuminati e accesi dal fuoco dello Spirito Santo, possiamo seguire le orme del Figlio tuo, il Signor nostro Gesù Cristo e a te, o Altissimo, giungere con l’aiuto della tua sola grazia. Tu che vivi e regni glorioso nella Trinità perfetta e nella semplice Unità, Dio onnipotente per tutti i secoli dei secoli.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio