Mt 12,14-21

Eccomi amato

Eccomi amato

Sabato XV Settimana del Tempo Ordinario
Es 12 37-42   Sal 135   Mt 12,14-21

Gesù viene a sapere dei complotti dei farisei. Molti sono contro di lui, ma molti altri lo seguono, e questi “li guarisce tutti”. Gesù non si arrende, nonostante tutto, rimane attentissimo a noi, al bisogno che abbiamo di essere accolti, amati, guariti. Agisce con coraggio, ma nella discrezione, senza alzare la voce. Non oppone resistenza, anche se potrebbe, non accusa chi lo condanna. Ma prende su di sé la condanna per offrirci la salvezza. In questo è irremovibile, porta avanti con coraggio l’opera che gli è affidata. Dove trova tanta forza? Dall’amore di predilezione che il Padre gli ha mostrato, dalla fiducia che gli ha accordato. “Ecco il mio servo che ho scelto, il mio amato”. Da questo trae tutta la forza per rimanere fedele alla sua vocazione. Come possiamo anche noi reagire con coraggio davanti ai “complotti” che vogliono farci indietreggiare? Mettiamoci davanti al Signore e, da quell’amore di predilezione che ci ha mostrato finora, dalla fiducia che tante volte ci ha accordato, sentiamo anche rivolte a noi le sue parole: “Ecco l’amato”. Da qui traiamo la forza per proseguire con coraggio il nostro cammino.

Mi indicherai il sentiero della vita, gioia piena nella tua presenza

Dalla Vita seconda ti Tommaso da Celano [FF 677]
Un giorno un povero gli chiese l’elemosina ed egli, non avendo niente per le mani, scucì un lembo della tonaca e lo regalò al povero. Altre volte, allo stesso fine, si tolse perfino i calzoni. Tanta era la tenera compassione che provava per i poveri e tanto l’affetto che lo spingeva a seguire le orme di Cristo povero.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio