Gv 15,9-11

“Rimanere” voce del verbo comunicare

Giovedì V Settimana di Pasqua
At 15,7-21   Sal 95   Gv 15,9-11

Rimanere nell’amore del Signore significa dimorare, significa comunicare in Lui e con Lui. Gesù parla di un amore che è il suo, l’amore dell’incarnazione, del calvario, dell’Eucarestia. In questi misteri si è manifestato a noi ed è per il Padre lo strumento perfetto della sua opera di salvezza e di vita. E per questo ha rimesso tutto nelle sue mani.
Rimanere nell’amore del Signore allora non è tanto un perseverare nell’amarLo con perfezione, senza sbagliare. Ma è piuttosto un invito a non estraniarci dall’amore che Lui ha per noi, che è il fondamento della nostra vita e della nostra missione.
Per stare in questo amore ci viene chiesta disponibilità e libertà per lasciarci istruire, educare, formare e trasformare dai comandamenti del Signore … E “i suoi comandamenti non sono gravosi” (1Gv 5,3).

Signore Gesù, desideriamo rimanere nel tuo amore per avere la gioia piena.

Dalle lettere di Santa Chiara ad Agnese di Praga [FF 2892]
Sì, perché è ormai chiaro che l’anima dell’uomo fedele, che è la più degna di tutte le creature, è resa dalla grazia di Dio più grande del cielo. Mentre, infatti, i cieli con tutte le altre cose create non possono contenere il Creatore, l’anima fedele invece, ed essa sola, è sua dimora e soggiorno, e ciò soltanto a motivo della carità, di cui gli empi sono privi. È la stessa Verità che lo afferma: «Colui che mi ama, sarà amato dal Padre mio, e io pure lo amerò; e noi verremo a lui e porremo in lui la nostra dimora».

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio