Gv 16,29-33

La nostra pace

La nostra pace

Lunedì VII Settimana di Pasqua
At 19,1-8 Sal 67 Gv 16,29-33
San Pasquale Baylon, memoria

Davanti ai discepoli, di ieri e di oggi, che dicono “ora crediamo”, Gesù dice: “verrà il tempo in cui mi lascerete solo”. È già venuto e verrà anche per noi il tempo dell’infedeltà, il tempo in cui sceglieremo “ciascuno per conto nostro”, in cui dimenticheremo di chiedere l’aiuto dello Spirito Santo e cadremo nella seduzione “del mondo”. Gesù ci mette davanti a tutta la verità: la nostra, che è desiderio di Dio impastato di fragilità, e la Sua, che è Amore forte e fedele, che sempre perdona e vuole farci grazia. Ecco perché il Signore ci dice “abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!”. E ancora “Vi ho detto questo perché abbiate pace in me”. Il Signore Gesù ci ha donato il Suo amore – che è l’amore del Padre – offrendo tutta la Sua vita per noi. Egli ha conosciuto sulla sua pelle la nostra fragilità, si è fatto nostro servo per dirci di avere pace in Lui. Siamo fragili, verremo meno, ma il Suo amore è più forte, ha vinto il mondo, e ogni volta che lo accogliamo, il Suo amore sarà la nostra pace.

Padre degli orfani e difensore delle vedove è Dio nella sua santa dimora. A chi è solo, Dio fa abitare una casa, fa uscire con gioia i prigionieri.

Dalla Vita prima di Tommaso da Celano [FF 363]
Ora un giorno […] si ritirò, come spessissimo faceva, in un luogo adatto per la preghiera. Vi rimase a lungo invocando con timore e tremore il Dominatore di tutta la terra, ripensando con amarezza gli anni passati malamente e ripetendo: «O Dio, sii propizio a me peccatore!». A poco a poco si sentì inondare nell’intimo del cuore di ineffabile letizia e immensa dolcezza.
Cominciò allora come a uscire da sé: l’angoscia e le tenebre, che gli si erano addensate nell’animo per timore del peccato, scomparvero, ed ebbe la certezza di essere perdonato di tutte le sue colpe e di vivere nello stato di grazia.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio