Mc 1,12-15

DOMENICA 21 FEBBRAIO 2021 I DI QUARESIMA – S. PIER DAMIANI

DOMENICA 21 FEBBRAIO 2021 I DI QUARESIMA – S. PIER DAMIANI

Dal Vangelo

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Commento biblico

Il Vangelo di oggi ci dona uno degli appellativi più belli di Gesù: l’Emmanuele, il Dio con noi. “Il tempo è compiuto”: Gesù quando fa questa affermazione, vuole comunicare che è arrivato il momento che aspettavano tutti, che tanti profeti hanno proclamato, la venuta del Salvatore, l’incarnazione di Gesù. Adesso Gesù è con noi, è arrivato il momento di stare con lui, di sentirlo, di imparare e di gioire. “Il regno di Dio è vicino”: ciò vuol dire che il regno di Dio è prossimo a noi, sta a fianco, davanti a noi, possiamo toccarlo, sentirlo, seguirlo. Papa Francesco ha affermato: “Gesù è il regno di Dio in persona, è l’Emmanuele, Dio-con-noi”. La Parola di Dio, detta dai profeti, adesso è davanti a noi, è diventata carne, cammina con noi, ci guarda negli occhi. “Convertitevi e credete nel Vangelo”: qui Gesù ci invita
a camminare con lui attraverso la conversione e a credere nel Vangelo. Convertire, come abbiamo visto ieri, vuol dire cambiare direzione, intraprendere un percorso di vita diverso. Il Figlio di Dio ci chiama a seguirlo, a camminare con lui, a fare la strada della salvezza. Dobbiamo vivere quello in cui crediamo e farlo diventare realtà, nella carne, nello spirito e nell’anima.

Commento francescano

San Francesco era un seguace di Cristo, imitava i suoi passi, viveva con lo sguardo rivolto a Gesù e in diversi momenti della sua vita riusciamo a percepire questo. Tommaso da Celano ci dice cosa il poverello provava nel cuore al solo pensare la nascita del Salvatore: “La sua aspirazione più alta, il suo desiderio dominante, la sua volontà più ferma
era di osservare perfettamente e sempre il santo Vangelo e di seguire fedelmente con tutta la vigilanza, con tutto l’impegno, con tutto lo slancio dell’anima e il fervore del cuore l’insegnamento del Signore nostro Gesù Cristo e di imitarne le orme. Meditava continuamente le sue parole e con acutissima attenzione non ne perdeva mai di vista
le opere. Ma soprattutto l’umiltà dell’incarnazione e la carità della passione aveva impresse così profondamente nella sua memoria, che difficilmente voleva pensare ad altro” (FF 466 – 467).

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio