Mc 1,21-28

DOMENICA 31 GENNAIO 2021 S. GIOVANNI BOSCO

DOMENICA 31 GENNAIO 2021 S. GIOVANNI BOSCO

Dal Vangelo

In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!». La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea.

Commento biblico

Al termine di questo mese, nel giorno della memoria dedicata a san Giovanni Bosco, ci viene incontro un episodio della vita di Gesù incastonato in una di quelle giornate tipo, o se vogliamo nelle giornate di Cafàrnao. Questa è un’antica città situata al nord del mare di Galilea, crocevia tra Palestina, Libano e Assiria. Cafàrnao è la città che Gesù sceglie come sua residenza, o luogo di formazione dei primi discepoli. Questa è una giornata che ci dona la possibilità di scorgere quello che Gesù viveva e faceva, predicava e insegnava, incontrava e pregava, mangiava e dormiva. È sabato, un giorno dedicato alla Torah di Mosè, un giorno in cui un uomo adulto poteva prendere la Parola e commentarla. Accade quindi che Gesù viene percepito come un uomo autorevole, la reazione degli astanti mette in luce questo aspetto e gli evangelisti lo sottolineano. Egli sa andare al cuore di tutti i suoi interlocutori. Come cristiani ciascuno di noi può essere autorevole nel momento in cui non frappone un muro che divide; nel momento in cui non guarda il male che c’è nell’altro, ma percepisce la possibilità che ha l’altro di liberarsi dal male che ha. L’autorevolezza di Gesù è un atto di liberazione verso un uomo tormentato da uno spirito impuro. Se a Gesù si può dire “davvero quest’uomo era il figlio di Dio” (Mc 15,39), noi stessi siamo figli del Figlio solamente quando permettiamo all’altro di camminare e non facciamo ostruzione al suo cammino.

Commento francescano

Per chi ha visitato la Basilica superiore di San Francesco e ha visto e letto il ciclo degli affreschi di Giotto, ricorderà che uno degli ultimi episodi è la liberazione di un eretico per intercessione di san Francesco. Non posso non accostare questo episodio alle liberazioni operate da Gesù. Tre miracoli che si confrontano con tre piaghe di ieri e di oggi, il demonio e i suoi idoli, le ferite del corpo e la malattia, catene che non permettono di essere liberi. Siamo chiamati a toccare con mano le nostre e le altrui piaghe. Siamo chiamati a portarle sull’altare di Dio. Siamo chiamati a pregare con esse e per esse. Atteggiamenti questi che possono “suscitare” il miracolo e “resuscitare” l’uomo.

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio