Lc 1,67-79

Il sole della misericordia 

Giovedì, feria propria del 24 dicembre
2Sam 7,1-5.8b-12.14a.16 Sal 88 Lc 1,67-79 

Zaccaria riacquista la parola dopo mesi di silenzio. Le prime parole sono un  canto di gioia e di gratitudine. Dio ha visitato la sua vita, la sua famiglia, la  sua storia, il suo popolo. Questo anziano e stimato sacerdote solo ora  capisce che sta per venire colui di cui tutti, proprio tutti, hanno bisogno,  come un sole che sorge e squarcia il buio. Insieme alla voce, Zaccaria  riacquista una nuova consapevolezza, la conoscenza di quella salvezza per  cui il Figlio dell’Altissimo verrà. Ma senza la consapevolezza del buio, come può esserci in noi il desiderio di luce, l’attesa che la misericordia ci visiti? Durante questa vigilia così insolita, forse con più raccoglimento potremo  sostare davanti alla grotta di Betlemme. Deponiamo nella povera  mangiatoia tutto ciò che in noi ha bisogno di essere visitato, rischiarato,  liberato, redento. È lì che il Signore nasce. È lì che ama visitarci ancora, per  darci la gioia della sua misericordia infinita. Allora potremo portare bene,  pace, speranza a tanti che attendono la luce.  

O Astro che sorgi, splendore della luce eterna, sole di giustizia: vieni,  illumina chi giace nelle tenebre e nell’ombra di morte. 

Dalla Leggenda Maggiore di San Bonaventura [FF 1111]
Un frate (…) chiese a Francesco che opinione aveva di sé stesso. E l’umile  servo di Cristo gli disse: «Mi sembra di essere il più gran peccatore». Il frate  gli replicò che, in tutta coscienza, non poteva né pensare né dire una cosa  simile; ma egli spiegò: «Se Cristo avesse trattato il più scellerato degli  uomini con la stessa misericordia e bontà con cui ha trattato me, sono  sicuro che quello sarebbe molto più riconoscente di me a Dio».

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio