Mt 2,13-18

C’è una speranza

C’è una speranza

Lunedì 28 dicembre, Ottava di Natale
1Gv 1,5-2,2 Sal 123 Mt 2,13-18
Santi Innocenti, martiri – Festa

La morte è sempre per noi un mistero incomprensibile, e in modo particolare ci lascia sgomenti la morte di bambini innocenti. Il  pianto è umanamente inconsolabile, come quello di Rachele per  i suoi figli. Se proseguiamo per qualche versetto la lettura del profeta Geremia, citato nel Vangelo, troviamo però l’invito del Signore a trattenere il nostro pianto, i nostri occhi dalle lacrime…perché c’è una speranza (cf Ger 31,16).
La speranza, che offre un senso anche alla morte innocente, ci viene proprio dal Natale: il Figlio di Dio si fa uomo in Gesù per portarci il suo amore. Non solo il Signore condivide con noi la fragilità umana, ma per amore prendere su di sé il nostro dolore, per salvarci dal male e insegnarci ad amare.
“Per parlare di speranza a chi è disperato, bisogna condividere la sua disperazione; per asciugare una lacrima dal volto di chi soffre, bisogna unire al suo il nostro pianto” (Papa Francesco). Gesù, nle mistero della sua incarnazione e della sua passione, condivide il nostro dolore e il nostro pianto, per donarci la sua consolazione e la sua gioia.

Il nostro aiuto è nel nome del Signore

Dalle Lettere di Santa Chiara ad Agnese di Boemia [FF 2865]
Il Signore quando venne nel grembo verginale volle apparire nel mondo disprezzato, bisognoso e povero, perché gli uomini, che erano poverissimi e bisognosi e soffrivano l’eccessiva mancanza di nutrimento celeste, fossero resi in lui ricchi con il possesso del regno celeste.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio