Gv 12,24-26

Dono e responsabilità

Dono e responsabilità

Lunedì XIX Settimana del Tempo Ordinario
2Cor 9,6-10 Sal 111 Gv 12,24-26
San Lorenzo martire, memoria

Il dono totale di noi stessi è la condizione per vivere la nostra vita in pienezza. La logica di Dio sempre ci sorprende e ci sembra impossibile. Come posso trovare la vita se la perdo? Come posso guadagnare qualcosa se do tutto? Eppure la natura stessa, con la sua semplicità, parla lo stesso linguaggio di Dio. Così un seme da frutto solo quando si disperde nella terra e non trattiene nulla per sé. Con tutta la sua vita il Signore Gesù ci ha mostrato che “c’è più gioia nel dare che nel ricevere” (At 20,35), e continuamente ha ripetuto il suo invito a percorrere questa strada.
La bellezza è che vivere una vita piena è alla nostra portata, perché il Signore ci promette tutto, ma dobbiamo sceglierlo! Infatti l’umiltà di Dio è così grande che Lui si dona e ci dona tutto, ma lascia a noi la libertà e la responsabilità di accoglierlo solo “se lo vogliamo” (cf Gv 12,26) e nella misura che “decidiamo nel nostro cuore” (cf 2Cor 9,7).

Donaci oggi, o Signore, il coraggio di perdere qualcosa di noi, per gustare la gioia che Tu ci doni

Dalla Lettera a Frate Leone [FF 250]
Così dico a te, figlio mio, come una madre: che tutte le parole, che abbiamo detto lungo la via, le riassumo brevemente in questa parola di consiglio, e non c’è bisogno che tu venga da me per consigliarti, perché così ti consiglio: in qualunque maniera ti sembra meglio di piacere al Signore Dio e di seguire le sue orme e la sua povertà, fatelo con la benedizione del Signore Dio e con la mia obbedienza.
E se a te è necessario, perché tu ne abbia altra consolazione, che la tua anima ritorni a me, e tu lo vuoi, vieni!

Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio