Domenica 2 giugno 2019, ASCENSIONE DEL SIGNORE

Domenica 2 giugno 2019, ASCENSIONE DEL SIGNORE

Dal Vangelo

Luca 24,46-53
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto». Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

Dalle Fonti

Regola non bollata XXIII,12-15: FF 67
E per il tuo amore umilmente preghiamo la gloriosa e beatissima Madre sempre vergine Maria, il beato Michele, Gabriele, Raffaele e tutti i cori degli spiriti celesti: serafini, cherubini, troni, dominazioni, principati e potestà, virtù, angeli e arcangeli il beato Giovanni Battista, Giovanni evangelista, Pietro, Paolo, e i beati Patriarchi e profeti, i santi innocenti, gli apostoli e gli evangelisti, i discepoli, i martiri, i confessori, le vergini, i beati Elia e Enoch e tutti i santi che furono e saranno e sono affinché rendano grazie a te, sommo e vero Dio, eterno e vivo con il Figlio tuo carissimo, Signore nostro Gesù Cristo, e con lo Spirito Santo Paraclito nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

Alla vita

L’episodio dell’Ascensione al cielo di Gesù e la conseguente discesa dello Spirito sui discepoli, chiudono il racconto dei Vangeli ma non l’esperienza della sequela. Anzi, aprono al discepolo e alla Chiesa intera la prospettiva ultima della Liturgia celeste nel Regno giunto alla sua pienezza. La prostrazione dei discepoli e la loro adorazione verso il Maestro che torna al Padre, è il preludio dell’adorante atto amoroso della schiera dei Santi nell’eterno rendimento di grazie e di gloria. Francesco vede così la Chiesa glorificata come termine, meta e compimento del suo cammino, come quello di ogni credente. Maria, gli Angeli, i Santi, ogni potenza spirituale ed ogni creatura uscita dalle mani del Creatore e santificata dal Sangue dell’Agnello, godono e partecipano dell’eterna Eucarestia del Figlio: il Suo restituirsi da sempre al Padre in rendimento di grazie e in pieno svuotamento di sé verso Colui dal quale è generato. Questa visione splendida e apocalittica della Liturgia celeste è come pregustata da Francesco; ai suoi occhi tutto il creato ed ogni creatura già canta, annuncia, rivela, mostra la finalità dell’Universo intero. Francesco è capace di riconoscere nel vivere dell’oggi questa tensione universale, come già annunciava San Paolo: “La creazione intera attende con impazienza la sua pienezza”.

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nelle Parole. È la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo accompagnata da un commento biblico e uno francescano. Frate Leone annotava come il Santo avesse una particolare predilezione per la lettura ogni giorno del Vangelo. Il commento biblico lega la Parola e il messaggio di Cristo alla contemporaneità della vita. Lo sguardo francescano rappresenta un tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi può essere un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di Francesco. Per l’uomo contemporaneo la testimonianza del Santo di Assisi rappresenta una finestra che gli offre un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Vengono proposte per ogni giorno riflessioni che aiutano a vivere appieno nel segno di Cristo, attraverso un pensiero che attualizza la Parola con l’intento di scardinare posizioni del cuore dell’uomo odierno, a volte indurito e ‘zoppicante’. L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Gli autori sono frati, provenienti da tutte le famiglia francescane, laici, appartenenti all’OFS e grandi esperti di francescanesimo. Momenti Francescani è un trimestrale edito dalla Custodia Generale del Sacro Convento dei Frati Minori Conventuali in Assisi. È possibile abbonarsi al seguente link: https://bit.ly/momenti_francescani”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio