Lo spot più grande della storia (Mt 11, 11-15)

Lo spot più grande della storia (Mt 11, 11-15)

«Tra i nati di donna non è sorto uno più grande di Giovanni il Battista». Un testimonial del peso di Gesù nessuno lo avrà mai. Elogia suo cugino con termini inauditi.

Non si ferma qui: il vero spot e per qualcun altro. «Tuttavia il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui». Gesù vuol difendere dalla violenza il regno che soffre violenza a causa della sua azione di rottura con l’alleanza antica. Una rottura inevitabile, perché il Padre con Gesù cambia paradigma religioso. Già: come accettare a cuor leggero di essere introdotti gratis nella misericordia del regno senza la filiera rituale e legalistica controllata dall’establishment di Gerusalemme e dintorni. Come accettare un Dio fuori controllo? Come accettare che la grandezza sia quella davanti a Dio e non davanti a noi, come ha sottolineato Francesco? Il profetismo di Elia ripreso da Giovanni voleva proprio annunciare questo. Da qui la preoccupata curiosità indagante di scribi e farisei. E se la gente cambia davvero, noi che facciamo? E se Dio perdona davvero, qual è il nostro posto? Nessun sospetto che il regno era anche per loro, se rinati dall’alto. Se introdotti dalla proposta di Gesù.

Vuoi lo spot di Gesù anche per te?

ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio