Lc 13,1-9

DOMENICA 20 MARZO 2022, III DOMENICA DI QUARESIMA

DOMENICA 20 MARZO 2022, III DOMENICA DI QUARESIMA

Luca 13,1-9
In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù circa quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù rispose: “Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Siloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo”. Disse anche questa parabola: “Un tale aveva un fico piantato nella vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercare frutti su questo fico, ma non ne trovo. Taglialo. Perché deve sfruttare il terreno? Ma quegli rispose: Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché io gli zappi attorno e vi metta il concime e vedremo se porterà frutto per l’avvenire; se no, lo taglierai”.

Nel Vangelo di oggi, terza domenica di Quaresima, troviamo un messaggio di conversione e un messaggio di misericordia. Il primo, ci invita a rileggere la storia dell’umanità non più con la logica del «chi ha sbagliato paghi», ma del «chi ha sbagliato può ricominciare». Il secondo, un messaggio di misericordia, non più animato dal binomio «delitto e castigo», ma dalla consapevolezza che il cammino è fatto di cadute e riprese. È Gesù a invitarci a comprendere con attenzione ciò che accade nelle nostre vite, a non dare per scontati gli eventi che si susseguono nelle nostre giornate. Gesù, con il suo invito alla conversione, ci chiede di leggere gli eventi con occhiali nuovi, una nuova mentalità. La conversione è infatti la fiammella che accende la luce nel nostro cammino e ci fa capire se finora lo abbiamo percorso nella direzione giusta.

David Grossman ha scritto, nel suo Ci sono bambini a zig-zag, che «la nostra vita è soltanto un attimo di luce fra una tenebra e l’altra». Ebbene, credo che attraverso la Parola, con la prossimità di Gesù e il sostegno di Francesco d’Assisi, possiamo trovare la forza di rendere gli attimi di luce ogni giorno più lunghi. Siamo chiamati a scacciare le tenebre, a dire no ai momenti di oscurità, a superare le difficoltà. A ricercare la luce, a riempirci di luce. Come una giornata di tarda primavera o inizio estate, rinfrancata da un sole sempre più presente.

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nelle Parole. È la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo accompagnata da un commento biblico e uno francescano. Frate Leone annotava come il Santo avesse una particolare predilezione per la lettura ogni giorno del Vangelo. Il commento biblico lega la Parola e il messaggio di Cristo alla contemporaneità della vita. Lo sguardo francescano rappresenta un tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi può essere un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di Francesco. Per l’uomo contemporaneo la testimonianza del Santo di Assisi rappresenta una finestra che gli offre un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Vengono proposte per ogni giorno riflessioni che aiutano a vivere appieno nel segno di Cristo, attraverso un pensiero che attualizza la Parola con l’intento di scardinare posizioni del cuore dell’uomo odierno, a volte indurito e ‘zoppicante’. L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Gli autori sono frati, provenienti da tutte le famiglia francescane, laici, appartenenti all’OFS e grandi esperti di francescanesimo. Momenti Francescani è un trimestrale edito dalla Custodia Generale del Sacro Convento dei Frati Minori Conventuali in Assisi. È possibile abbonarsi al seguente link: https://bit.ly/momenti_francescani”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio