Lc 11,42-46

Sepolcri imbiancati… o cuori liberi?

Sepolcri imbiancati… o cuori liberi?

Mercoledì XXVIII Settimana del Tempo Ordinario
Rm 2,1-11   Sal 61    Lc 11,42-46

“Dicendo questo, offendi anche noi!”. Davanti a questo vangelo, potremmo dire: beato chi non si offende davanti alla verità che Gesù gli fa capire… L’offesa è spesso il segno del nostro orgoglio ferito, quando la vita ci “punge sul vivo”, ci smaschera. Non ci piace che ci si facciano notare difficoltà, limiti, errori. La permalosità stabilisce una barriera tra noi e l’altro, anche se è un fratello che vuole il nostro bene. Anche se è il Signore stesso che ci parla attraverso la sua Parola. Tendiamo forse ad accomodarci e vivere tranquilli, senza fastidi. Ma così rischiamo di diventare inviolabili, rigidi e anonimi come sepolcri imbiancati. E, come i farisei, perdiamo un’occasione d’oro: metterci in discussione con umiltà e sincerità per dilatare il cuore. Il Signore oggi ci chiede il coraggio di lasciarci raggiungere, mettere in crisi, trafiggere dalla sua Parola, anche se fa male, anche se costa… E questo concretamente, attraverso i fatti della vita, le persone che ci sono accanto. Il frutto di questa accoglienza è sempre la libertà, la maggiore consapevolezza di noi stessi, e quindi cambiamenti evangelici del cuore, della vita, delle relazioni con gli altri.

Padre buono, donami il coraggio di attuare in me quei cambiamenti che il tuo Vangelo mi domanda.

Dalle Laudi e Preghiere [FF 276]
O alto e glorioso Dio,
illumina le tenebre de lo core mio.
E damme fede diritta,
speranza certa e carità perfetta,
senno e cognoscimento, Signore,
che faccia lo tuo santo e verace comandamento. Amen.

ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio