Mc 1,29-39

DOMENICA 7 FEBBRAIO 2021 SAN RICCARDO

DOMENICA 7 FEBBRAIO 2021 SAN RICCARDO

Dal Vangelo

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva. Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano. Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si
misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.

Commento biblico

Il Signore ci regala questo bel Vangelo che ci insegna tre grandi valori per una vita piena in Dio: la gratitudine, la saggezza e la vocazione. Quest’oggi vi vorrei invitare a riflettere sulla gratitudine. La suocera di Pietro non brontola per il tempo in cui è stata malata o maledice le sofferenze patite. “Ed ella li serviva”, che cosa possiamo capire da questa sua azione? Comprendiamo che è una persona grata a Dio. Lei non perde tempo a lamentarsi per il passato, vive il presente e sa riconoscere la Grazia di Dio. Anche noi siamo invitati a non fare del nostro passato il nostro presente, evitando così di vivere una depressione spirituale. Dobbiamo essere grati: guarda intorno a te stesso e ti renderai conto di tutte le benedizioni che Dio ti ha dato! La vita non è fatta solo di problemi, sofferenze e difficoltà; queste ci sono, è vero, ma rappresentano una piccola parte di un qualcosa di più grande. Mi piace molto questa frase: “non dire a Dio quanto sono grandi i tuoi problemi: di’ ai tuoi problemi quanto è grande Dio”.

Commento francescano

Una notte san Francesco chiese al Signore di venirgli in soccorso affinché potesse sopportare le tante sofferenze con pazienza. In risposta ebbe una domanda: “Se uno, in compenso delle tue malattie e sofferenze, ti donasse un grande prezioso tesoro […] non considereresti tu tutte queste tribolazioni come un niente, […] a paragone del grande e prezioso tesoro che ti verrebbe dato? […] Rispose il beato Francesco: «Signore, questo sarebbe un tesoro veramente grande e inestimabile, prezioso e amabile e desiderabile». E (il Signore, N.d.R.) gli disse: «Allora, fratello, rallegrati e giubila pienamente nelle tue infermità e tribolazioni; d’ora in poi vivi nella serenità, come se tu fossi già nel mio regno». Alzandosi al mattino, disse ai suoi compagni: «Se l’imperatore donasse un intero reame a un suo servitore, costui non ne godrebbe vivamente? Ma se gli regalasse addirittura tutto l’impero, non ne godrebbe più ancora?». E disse loro: «Sì, io devo molto godere adesso in mezzo ai miei mali e dolori, e trovare conforto nel Signore, e render grazie sempre a Dio Padre, all’unico suo Figlio, il Signore nostro Gesù Cristo, e allo Spirito Santo, per la grazia e la benedizione così grande che mi è stata elargita: egli infatti si è degnato nella sua misericordia di donare a me, suo piccolo servo indegno ancora vivente quaggiù, la certezza di possedere il suo regno” (FF 1614).

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nelle Parole. È la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo accompagnata da un commento biblico e uno francescano. Frate Leone annotava come il Santo avesse una particolare predilezione per la lettura ogni giorno del Vangelo. Il commento biblico lega la Parola e il messaggio di Cristo alla contemporaneità della vita. Lo sguardo francescano rappresenta un tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi può essere un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di Francesco. Per l’uomo contemporaneo la testimonianza del Santo di Assisi rappresenta una finestra che gli offre un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Vengono proposte per ogni giorno riflessioni che aiutano a vivere appieno nel segno di Cristo, attraverso un pensiero che attualizza la Parola con l’intento di scardinare posizioni del cuore dell’uomo odierno, a volte indurito e ‘zoppicante’. L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Gli autori sono frati, provenienti da tutte le famiglia francescane, laici, appartenenti all’OFS e grandi esperti di francescanesimo. Momenti Francescani è un trimestrale edito dalla Custodia Generale del Sacro Convento dei Frati Minori Conventuali in Assisi. È possibile abbonarsi al seguente link: https://bit.ly/momenti_francescani”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio