Mt 14,1-12

Bisognosi di conversione

Bisognosi di conversione

Sabato XVII Settimana del Tempo Ordinario
Ger 26,11-16.24       Sal 68     Mt 14,1-12
Sant’Alfonso Maria de Liguori, memoria

Nelle parole del profeta Geremia troviamo umiltà e decisione: egli sa di essere semplicemente un uomo che il Signore ha scelto come messaggero in mezzo al Suo popolo; sa che la sua vita è in mano al Signore e per questo non teme di “lasciarla” in mano agli uomini. Così anche Giovanni il Battista, così lo stesso Gesù.
La Parola che Dio ci rivolge non ci dà false consolazioni, ma ci guida, ci sprona, e ci chiama a convertirci da tutto ciò che ci allontana da Lui e dal Suo amore. Per questo, quanto più siamo attaccati a noi stessi e prigionieri della nostra superbia, quanto più chi ci annuncia questa Parola ci sembra ostile e nemico, mentre il vero nemico è il male che abita dentro di noi.
Non scandalizziamoci se troviamo in noi stessi gli atteggiamenti dei sacerdoti o di Erode, ma cogliamo piuttosto l’occasione per esaminare la nostra vita, e riconoscere che anche noi abbiamo sempre nuovamente bisogno confessare il nostro peccato e convertirci, per seguire il Signore nella libertà del cuore.

Voi che cercate Dio, fatevi coraggio, perché il Signore ascolta i miseri e non disprezza i suoi che sono prigionieri.

Dalle Ammonizioni [FF 153]
E tutte le creature, che sono sotto il cielo, per parte loro servono, conoscono e obbediscono al loro Creatore meglio di te. E neppure i demoni lo crocifissero, ma tu insieme con loro lo hai crocifisso, e ancora lo crocifiggi quando ti diletti nei vizi e nei peccati. Di che cosa dunque puoi gloriarti? […]. In questo possiamo gloriarci, nelle nostre infermità e nel portare sulle spalle ogni giorno la santa croce del Signore nostro Gesù Cristo.

Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio