Domenica 18 febbraio 2018, Iª DOMENICA DI QUARESIMA

Domenica 18 febbraio 2018, Iª DOMENICA DI QUARESIMA

Dal Vangelo

Marco 1,12-15
In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Dalle Fonti

Celano 137: FF 721
Mentre Francesco si trovava a Siena, giunse colà un frate da Brescia. Desiderava molto vedere le stimmate del Padre e scongiurò con insistenza frate Pacifico a ottenergli questa possibilità. Questi gli rispose: «Quando starai per ripartire di qui, gli chiederò che dia da baciare le mani. Appena le avrà date, io ti farò un cenno cogli occhi, e tu potrai vederle». Quando furono pronti per il ritorno, si recarono ambedue dal Santo. Inginocchiatisi, Pacifico dice a Francesco: «Ti preghiamo di benedirci, carissima madre, e dammi la tua mano da baciare!». Subito la bacia, mentre egli l’allunga con riluttanza, e fa cenno al compagno di guardarla. Poi chiede l’altra, la bacia e la mostra all’altro. Quando stavano allontanandosi, venne al Padre il sospetto che gli avessero teso un pio inganno, come era in realtà. E giudicando empia quella che era soltanto una pia curiosità, richiamò subito frate Pacifico: «Ti perdoni il Signore – gli disse – perché ogni tanto mi rechi grandi pene». Pacifico si prostrò subito e gli chiese umilmente: «Quale pena ti ho recata, carissima madre?». Francesco non rispose e la cosa finì nel silenzio.

Alla vita
Israele per 40 anni nel deserto toccò con mano la precarietà. Alle spalle c’era la memoria dell’Egitto: una prigionia dura ma sicura (“avevamo cipolle e stavamo seduti presso la pentola della carne”); di fronte, invece, l’incognita di una libertà che sapeva di morte. Emergeva così la tentazione e la mormorazione: “Perché Dio ci ha fatti uscire dall’Egitto per farci morire qui?”. Dice Dio: “Ti ho fatto camminare nel deserto per umiliarti, provarti e per sapere quello che avevi nel cuore” (Dt 8,2). Ma Dio già sapeva cosa c’era nel cuore dell’uomo; era Israele che doveva toccarlo con mano. Nel deserto, luogo della privazione, egli scoprì infatti alcune cose davvero importanti di sé: la propria debolezza, la difficoltà di gestire la libertà, la fiducia in Dio che viene meno nel momento della mancanza. E in particolare imparò che cosa fosse davvero essenziale; sperimentò infatti che nonostante le difficoltà “non si era logorato il suo mantello e non si era consumato il suo sandalo”. La Quaresima è il deserto che ci chiama all’essenzialità per riscoprire come davvero Dio guidi il nostro cammino e come sia vero che non di solo pane vive l’uomo. È il tempo della verità di sé, del non nascondersi dietro un filo d’erba per dire che “io certe cose non le provo” (anche Gesù le ha provate!). Il tempo dell’autenticità: guardarmi dentro e dirmi dov’è il mio cuore, per ricentrarmi sulla Parola.

ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nelle Parole. È la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo accompagnata da un commento biblico e uno francescano. Frate Leone annotava come il Santo avesse una particolare predilezione per la lettura ogni giorno del Vangelo. Il commento biblico lega la Parola e il messaggio di Cristo alla contemporaneità della vita. Lo sguardo francescano rappresenta un tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi può essere un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di Francesco. Per l’uomo contemporaneo la testimonianza del Santo di Assisi rappresenta una finestra che gli offre un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Vengono proposte per ogni giorno riflessioni che aiutano a vivere appieno nel segno di Cristo, attraverso un pensiero che attualizza la Parola con l’intento di scardinare posizioni del cuore dell’uomo odierno, a volte indurito e ‘zoppicante’. L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Gli autori sono frati, provenienti da tutte le famiglia francescane, laici, appartenenti all’OFS e grandi esperti di francescanesimo. Momenti Francescani è un trimestrale edito dalla Custodia Generale del Sacro Convento dei Frati Minori Conventuali in Assisi. È possibile abbonarsi al seguente link: https://bit.ly/momenti_francescani”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio